Home / News / Europa League : il punto sulle partite giocate ieri

Europa League : il punto sulle partite giocate ieri

Nella quinta giornata della fase a gironi dell’ Europa League ci sono state come sempre conferme ma anche risultati a sorpresa. Andiamole ad analizzare.

Nel gruppo A la Juventus non va oltre l’ 1 – 1 con il Lech Poznan ed è fuori dalla competizione. Partita difficile sotto un gelo incredibile che nel secondo tempo ha visto scendere anche la neve che ha ricoperto il campo rendendo difficile anche distinguere le linee. Juventus in svantaggio su calcio d’angolo, in cui Rudnevs, anticipando facilmente Chiellini di testa, segna il gol dell’ 1 – 0. Nella ripresa i bianconeri provano a pareggiare l’incontro e dopo diverse occasioni avute e non sfruttate trovano il gol del pari con Iaquinta abile a concludere una bella azione di Krasic. A fine partita Del Neri e Marotta confermano che volevano evitare di giocare perchè le condizioni del tempo erano avverse e il campo era più per sport invernali che per una partita di calcio.

Nell’altra partita del gruppo A il Manchester City batte 3 – 0 il Salisburgo. Mattatore della serata Super Mario Balotelli con una doppietta e poi Johnson a chiudere i conti per una vittoria netta e mai in discussione.

Nel gruppo B i campioni uscenti dell’Atletico Madrid perdono malamente in casa per 2 – 3 contro l’Aris Salonicco. Spagnoli in vantaggio per 2 – 1 ma a 10 minuti dalla fine il risultato è 3 – 2 per i greci. Ora le squadre sono entrambe seconde a pari punti ma l’Aris ha il vantaggio dello scontro diretto. I gol sono di Aguero e Forlan per l’Atletico e per i greci c’è la doppietta di Koke e il gol vittoria di Lazaridis. Nell’altra partita vittoria e qualificazione per il Bayer Leverkusen sul campo del Rosenborg per 1 – 0 con il gol di Sam.

Nel gruppo C lo Sporting Lisbona batte il Lilla 1 – 0 grazie al gol del difensore Anderson Polga e ottiene la qualificazione al turno successivo, mentre il Gent vince 1 – 0 con il Levski Sofia con gol di Wallace e si portano al secondo posto in classifica. Posizione che dovranno difendere tra due settimane proprio contro il Lilla sconfitto stasera.

Nel gruppo G quinta vittoria su 5 partite dello Zenit che non sbaglia un colpo. Il finale è 3 – 1 sull’Anderlecht. A segno per i russi Ionov, Bukharov e Huszti e per gli ospiti Kanu, mentre nell’altra partita l’ AEK Atene vince 3 – 1 in casa dell’ Hajduk Spalato ed ha quasi in tasca la qualificazione al turno successivo. Gli basterà un pareggio con lo Zenit nell’ultima partita per la certezza matematica. I gol per i greci sono di Scocco, Manolas e Blanco mentre il gol della bandiera dei croati è di Buljat al 90′.

Nel gruppo H tonfo dello Stoccarda in casa dello Young Boys. Partita che inizia mezz’ora in ritardo e che nella ripresa sul risultato di 2 – 1 per i tedeschi, vede venir fuori gli svizzeri che segnano 3 gol in 4 minuti. Lo Stoccarda era già qualificato e questi 3 punti per lo Young Boys significano qualificazione al turno successivo. I gol sono di Pogrebnyak e Shipplock per i tedeschi e di Degen, Sutter e doppietta di Mayuka. Nell’altra partita, Odense e Getafe pareggiano 1 – 1 ed entrambe sono eliminate. In gol Rios per gli spagnoli e al 92′ il gol beffa dei danesi di Andreasen.

Nel gruppo I il Metalist batte 2 – 1 il Debrecen in rimonta e passa il turno. Gli ungheresi, già eliminati, passano in vantaggio con Czviktoviks. Pareggio dei padroni di casa con autogol di Boda e gol nel finale di Olinyk. L’altra partita vede di scena la Sampdoria che grazie al gol del solito Pazzini si porta in vantaggio sul PSV. Ma la squadra olandese pareggia, complice una dormita della difesa doriana, con Toivonen di testa su assist del solito Afellay. L’espulsione di Marilungo per proteste è il preludio al secondo gol di Toivonen, che raccoglie una corta respinta di Curci sul tiro di Berg. La Samp dopo la Champions abbandona anche l’Europa League.

balotelli europa league iaquinta juventus Lech Poznan manchester city pazzini psv sampdoria zenit

About tsubasa84

2 Commenti

  1. Che brutta fine sta facendo il nostro calcio. Sembra proprio che in ambito europeo le nostre squadre non riescano per niente ad esprimere il proprio calcio! Non credo sia perché sono inferiori alle avversarie (molte delle formazioni italiane annoverano tra le loro file campioni che in altri stati si sognano!)…ma è proprio l’approccio alla partita, quando si tratta di Europa, che è sbagliato. La mentalità non è assolutamente quella giusta! E se vogliamo continuare a conservare il diritto a portare quattro delle nostre squadre in Champions, bisogna darsi una strigliata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Scroll To Top