Home / News / Bari, il gallo rialza la testa e torna a cantare

Bari, il gallo rialza la testa e torna a cantare

Bari, il gallo rialza la testa e torna a cantare
Pubblicato da:
Articoli: 98 Commenti: 0
Altri Posts dell'Autore:

Finalmente la tanto attesa vittoria è arrivata. Davanti a 15.487 spettatori il Bari di Andrea Camplone strapazza la Ternana vincendo 4 a 0 e riallaccia un rapporto con i tifosi che sembrava ormai logorato. E’ chiaro che una rondine non fa primavera ma una vittoria di questa portata, dopo un mese di prestazioni poco convincenti, può soltanto alzare il morale della squadra, impegnata già sabato nella delicata trasferta di Chiavari, test chiave per la zona playoff. Mai in partita e per nulla irresistibile, la Ternana di Breda, ferma al 13° posto in classifica, prosegue la sua marcia discontinua verso la salvezza dove successi convincenti, vedi le vittoria su Novara, Salernitana, Modena e Trapani, si alternano a sconfitte ignobili, l’ultima proprio a Bari.

Dopo 8 minuti iniziali di studio intenso, Furlan insidia l’area di rigore con un calcio di punizione che si spegne sul fondo alla sinistra della porta difesa dal confermatissimo Micai. Al 15°, però, la partita prende già una piega diversa: calcio di punizione di Sansone dalla tre quarti, Puscas stacca da solo al centro dell’area di rigore e batte Mazzoni. Difesa della Ternana immobile. Urlo di liberazione per il rumeno ex Inter che ringrazia e mette la sua prima firma tra i professionisti facendosi perdonare dagli errori commessi a Lanciano. Ritorna l’entusiasmo sugli spalti. Entusiasmo che si diffonde anche sul prato del San Nicola perché, poco prima di tornare negli spogliatoi, ancora Sansone lancia in contropiede Rosina che prova ad accentrarsi liberando un sinistro a giro che sfiora la traversa.

Nella ripresa il Bari ritorna in campo con la stessa concentrazione del primo tempo tant’è che dopo 7 minuti sfiora ancora una volta il raddoppio: ottima giocata di Donkor sulla destra che libera il traversone di Valiani, stacco di testa di Dezi che finisce alto poco sopra la traversa. Gol rimandato soli di 4 minuti. Ci pensa ancora una volta Puscas che insacca un perfetto cross di esterno sinistro di Di Noia e realizza la sua prima doppietta con la maglia del Bari. La Ternana prova a riaprire la partita con Ceravolo che impegna due volte Micai, sempre attento e ben posizionato. Passato lo spavento, i biancorossi tornano a giocare in scioltezza e trovano il gol del 3 a 0 che chiude la partita e certifica la netta superiorità della squadra di casa: filtrante di Cissokho in area di rigore per Rosina che alza la testa e serve Dezi tutto solo davanti alla porta. Pallone in rete e battesimo del gol anche per l’ex Napoli. Nel finale, al 40° c’è gloria anche per Sansone che raccoglie in area di rigore un tiro deviato di Rosina e timbra il terzo gol con la maglia  biancorossa.

Cala il sipario al San Nicola. Un Bari convincente e finalmente motivato rifila il poker ad un Ternana che non ha più nulla da dire a questo campionato. Da sottolineare le ottime prestazioni di Donkor, Cissokho, Di Noia, Dezi e Puscas. Buono anche l’inserimento di Rada al posto di Di Cesare, uscito per infortunio al 32°. Tra 3 giorni si torna in campo a Chiavari, in un match che dovrà necessariamente certificare la rinascita dei galletti di mister Camplone.

4-0 bari camplone dezi entusiasmo gol notturna pker play off puscas san nicola sansone serie b ternana

About Antonio Minafra

Mi chiamo Antonio Minafra, ho 22 anni e studio Economia e commercio presso la facoltà degli studi di Bari. Nel tempo libero amo scrivere articoli sportivi sperando che un giorno il mio hobby possa diventare il mio lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scroll To Top