Home / News / Dybala show. Godono Roma e Milan. Inter che fai?

Dybala show. Godono Roma e Milan. Inter che fai?

Dybala show. Godono Roma e Milan. Inter che fai?
Pubblicato da:
Articoli: 30 Commenti: 0
Altri Posts dell'Autore:

Stasera si chiude l’ottava giornata con la sfida del Renzo Barbera tra Palermo e Torino. Sfida interessante sia per i rosanero,vogliosi di allontanarsi dalla zona rossa, sia per i granata, che, con i tre punti, potrebbero arrivare in zona Europa.

Per quanto riguarda le sfide del weekend, in vetta sorridono Juventus e Roma, insieme ad un sorprendente Milan. Nel big-match di giornata, la Roma batte il Napoli al San Paolo, grazie ad un grandissimo Dzeko, autore di una doppietta. Partita bella e divertente, senza troppi tatticismi e con molti spazi, quella di Napoli. I partenopei sfiorano ripetutamente il vantaggio, ma è la Roma che passa per prima sul finire di primo tempo. Koulibaly è troppo lezioso, Salah recupera palla e serve Dzeko, che, da solo in area, non sbaglia. Il bosniaco si ripete nel secondo tempo, quando infila di testa su punizione battuta da Florenzi. Sarri inserisce Mertens, al posto di un impresentabile Gabbiadini e il Napoli si sveglia. Koulibaly riapre la partita su sviluppi da corner. Gli azzurri continuano ad insistere, ma non creano nessun grattacapo alla difesa capitolina che si difende bene e chiude la partita grazie ad una accelerazione di Salah. La squadra di Spalletti, dunque, supera proprio il Napoli, portandosi a 16 punti, mentre gli azzurri rimangono fermi a 14. La Juventus, nel terzo anticipo di giornata, non si fa pregare e allunga ancora, superando l’Udinese 2-1. I bianconeri, con tantissime assenze, non brillano e passano pure in svantaggio: il pessimo Hernanes, perde una palla in mezzo al campo e Kums da fuori area batte Buffon, non prorpio perfetto. Da lì in avanti è monologo Juve, che si affida al talento di Paulo Dybala. La “Joya”, prima pareggia con una punizione splendida dal limite; poi segna il gol del definitivo sorpasso dagli 11 metri, per fallo di un ingenuo De Paul su Alex Sandro. Settima vittoria per i bianconeri, che si portano a +5 sulla seconda in classifica. A 16 punti, con la Roma, c’è anche il Milan di Vincenzo Montella, che batte 3-1 il Chievo a domicilio. Partita bruttina nel primo tempo, che si accende allo scadere della prima frazione, con il missile di Kucka che si infila all’incrocio. Nella ripresa il Milan raddoppia con un altro grande gol da fuori area di Niang. I rossoneri hanno l’occasione per chiudere la partita, ma non lo fanno e così Birsa la riapre, con una bellissima punizione dal limite. Tuttavia, il diavolo porta a casa il bottino pieno, chiudendo la partita al 90′, grazie all’autogol di Dainelli.

Dietro, proprio i veronesi, vengono raggiunti dal Cagliari a quota 13 punti. Colpo grosso dei sardi che sbancano San Siro, contro un Inter brutta, più concentrata sulle questione extra-campo (Icardi) che su quelle di campo. I neroazzurri passano anche in vantaggio, con Joao Mario, nel secondo tempo, dopo che Icardi, fischiato dalla curva Nord, aveva calciato fuori un penalty. Dopo il vantaggio, gli undici di De Boer si sciolgono: prima Melchiorri pareggia e poi la difesa interista si fa da sola il gol del 2-1. Se i sardi salgono, i neroazzurri scendono a metà classifica. L’altra squadra a 13 punti era la Lazio, che porta a casa un punticino, dalla partita contro il Bologna. Emiliani avanti con Helander. Dopo, solo Lazio, che cercano il pareggio in tutti i modi. Lo trovano al 96′, grazie a un rigore inesistente, trasformato da Immobile.

Bellissima partita, anche, tra Sassuolo e Crotone. Sono i calabresi a passare in vantaggio, dopo solo 2 minuti, con l’ex di turno Falcinelli. Il Sassuolo cerca e sfiora ripetutamente il pareggio, il Crotone non trova, per un soffio, il 2-0 in più occasioni. Alla fine i neroverdi la ribaltano in tre minuti, con due ‘prime-volte’: pareggia Sensi all’85’ e tre minuti dopo, Iemmello regala i tre punti agli emiliani. La squadra di Nicola rimane, quindi, all’ultimo posto, mentre la squadra di Di Francesco sale a quota 12 punti, raggiungendo il Genoa, che fa 0-0 al Ferraris, contro l’Empoli. Finisce a reti bianche anche il match tra Fiorentina e Atalanta. Viola deludenti e impalpabili; bergamaschi in forte crescita e tornano a casa con qualche rimpianto di troppo. Si dividono la posta in palio anche Pescara e Sampdoria, che all’Adriatico fanno 1-1. Fa tutto Campagnaro: prima la mette dentro la propria porta e dopo segna in quella giusta. Maggiori rimpianti per il delfino, che nel secondo tempo sbaglia un rigore con Caprari.

inter juventus milan roma serie a

About Valerio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scroll To Top